“Sono rimasta incinta con del sesso orale e vi spiegherò come ho fatto”

In una di queste “sessioni orali” è avvenuto che il suo ex l’abbia scoperta con un nuovo ragazzo, ed è iniziata una rissa dove sono stati usati dei coltelli. La ragazza ha ricevuto dall’ex alcune coltellate all’addome. I chirurghi l’hanno operata, trovando due ferite allo stomaco, che hanno suturato e poi, nonostante non avessero trovato segno di contenuti gastrici nell’addome, hanno proceduto ad un lavaggio della cavità con soluzione salina come da prassi. La ragazza al tempo non aveva spiegato le circostanze esatte dell’accoltellamento, e quel che sarebbe avvenuto è che gli spermatozoi siano fuoriusciti dallo stomaco in seguito alla ferita da coltello per arrivare poi a fecondare un ovulo. Normalmente gli spermatozoi non sopravvivono a lungo in un ambiente acido come lo stomaco, ma sembra che la saliva abbia fatto loro da scudo fino ad accompagnarli alle ovaie.
La ragazza aveva notato la crescita della pancia e i dolori: più di qualcuno le aveva suggerito che poteva essere incinta, ma dato che non aveva una vagina non ha mai preso seriamente in considerazione l’ipotesi fino al momento del parto. Inoltre, sembra che la ragazza sia rimasta incinta alla sua prima ovulazione o quasi: mancando il collegamento con la vagina, infatti il sangue mestruale si sarebbe accumulato e avrebbe reso impossibile il concepimento. Una serie di combinazioni decisamente poco probabili, dunque. I medici che hanno documentato il caso aggiungono che “il fatto che il figlio somigli al padre esclude un concepimento ancora più miracoloso”.