10 cose intime che le donne non ammetteranno mai di fare

Quando Dio ha creato la donna, di sicuro poco prima qualche acido lo aveva assunto. O probabilmente un attacco di dissenteria fulminante lo ha colto di sorpresa nel durante. Ancora non lo so, ma una cosa è certa. Ha applicato la legge del contrappasso al lessico del gentil sesso. Indi per cui se “si” vuol dire “no”, e “no” vuol dire “si”, è chiaro che la donna perde qualsiasi forma di credibilità, e che a rigor di logica, ogni cosa che nega di fare o di aver fatto, non solo è successa, ma continua a verificarsi. Andiamo quindi ad analizzare le 5 cose che una donna nega di fare abitualmente.

00

#1. Autoerotismo

La nota locuzione “mettere il dito nella piaga” da qualche parte deve pur discendere. “No no, io no, mai fatto!” dicono, con gli occhi sgranati come se gli avessi chiesto se hanno mai commesso un infanticidio. E invece, ragazzi, mentono, e lo fanno spudoratamente cercando di farti credere che per loro non c’è sesso senza amore, come canta quel coglione di Venditti. Che riescano a mettere in pausa le tempeste ormonali nel periodo dell’ovulazione finché non trovano il principe azzurro sul cavallo bianco, quando invece andrebbe bene pure il principe ocra sul cavallo fucsia. In realtà si chiudono in camera, sul letto, con Brazzers davanti e il volume basso a cercare video di qualsivoglia genere e categoria, oppure (le più romantiche) sognano di essere trivellate da uno sconosciuto (con le sembianze di un attore hollywoodiano) nei bagni pubblici di un autogrill. Diffidate da chi si vergogna ad ammetterlo. Oltretutto siamo nell’era del digitale. Voi avete Federica la mano amica e noi Donato, il dito più fidato.

#2. Feci e Flatulenza

Allora, la cacca rosa è solo una, quella di Arale. Tutte le altre, tesori miei, comprese quelle di sesso femminile, sono demoni a tre teste. In situazioni ambigue, la tengono dentro finché i muscoli del retto sono dalla loro parte. Ma quando lo stronzo bussa il culo in qualche maniera è moralmente obbligato a rispondergli, e se vi capiterà mai di entrare in un bagno dopo di loro, dentro ci troverete la morte con la falce in mano a passarsi la pietra pomice. si divertono anche ad annusare i concerti intestinali che mettiamo in scena nel letto, quando siamo sole, magari muovendo il piumone su e giù per gustarne a pieno la fragranza.

L’ARTICOLO CONTINUA ALLA PAGINA SUCCESSIVA